Chi Siamo

Commando Jugendstil è un piccolo collettivo di creatori solarpunk italiani, sorto nel 2011.

Come si evince dal nostro nome, la nostra principale fonte di ispirazione sono i movimenti artistici legati ad Arts and Crafts e Art Nouveau, non solo dal punto di vista estetico, ma anche da quello filosofico per il loro rifiuto della produzione industriale di massa e la loro rinnovata attenzione per la figura dell’artista come artigiano e per il rapporto tra uomo e natura.

Il nostro video di presentazione “Commando Jugendstil: Cartolina da un Mondo Possibile”, che potete trovare all’ indirizzo http://cargocollective.com/mikeoloopie/Commando-Jugendstil , presenta uno scenario futuro prossimo in cui i cartelloni pubblicitari a tutta parete che spesso si trovano affissi sulle pareti vuote degli edifici vengono sostituiti attraverso performances di azione diretta con “manifesti energetici”, realizzati con tecnologie solari quali Organic Photovoltaic e Dye-Sensitized Solar Cells. Questi artefatti garantiscono l’autonomia energetica dei condomini e rimpiazzano gli incitamenti al consumismo con messaggi sociali e culturali, realizzati seguendo gli input delle comunità urbane a cui questi spazi vengono restituiti. Artefatti, quindi, che generano valore tangibile per il portafoglio e l’ambiente, ma anche valore culturale, perché inseriscono opere d’arte nel tessuto urbano.

Il nostro video è stato presentato all’Urban Centre del Comune di Milano e al “DESIS Philosophy Talk 2014: Storytelling & Social Innovation” della Eindhoven Design Academy, e ha ottenuto una menzione speciale della giuria per l’originalità e la qualità del progetto al Premio Talent Almanack 2013.

Galvanizzati da questi risultati, abbiamo cercato di partecipare a vari concorsi per start-up e incubazione tecnologica, collaborando anche con accademici che stanno cercando di sviluppare queste tecnologie, prima di renderci conto che queste avevano ancora bisogno di tempo per arrivare al livello di sviluppo richiesto dai nostri progetti.

A quel punto, convinti del fatto che se non è possibile immaginare qualcosa, non è nemmeno possibile farla, abbiamo deciso di dedicarci a fertilizzare il terreno culturale, imbastendo narrative che raccontassero come avrebbe potuto essere un futuro in cui le nostre idee fossero state ormai in fase di realizzazione. Per fare questo, abbiamo reclutato il collettivo di narratori Tales from the EV Studio e lavorando con loro abbiamo scoperto che quello che facevamo da ormai quasi 7 anni aveva un nome e che quel nome è solarpunk.

Nel frattempo continuiamo a perseguire strade che ci permettano di rendere il futuro solarpunk che immaginiamo e di cui il mondo ora ha disperatamente bisogno tramite collaborazioni con enti ONLUS e istutuzioni accademiche.