Racconto – The Last Straw

Scritto di getto grazie all’ ispirazione della canzone “Il Lago Che Combatte” degli Assalti Frontali (canzone estremamente solarpunk), questo breve racconto ha vinto il concorso di eco-fiction indetto dalla casa editrice inglese Bear With Me Books per lo scorso Earth Day.

Potete leggere l’intera storia (in inglese) sul blog della casa editrice.

Il tema centrale del racconto e’ la gentrificazione, un processo che disperde comunit√† urbane vulnerabili tramite la proliferazione di condomini “di pregio” e boutiques, la sparizione di negozi “tradizionali” come il panettiere e il bar di quartiere, su cui i residenti facevano affidamento, e l’aumento incontrollato degli affitti, portando al loro esodo verso quartieri meno desiderabili e alla loro sostituzione con giovani e meno giovani professionisti e altre categorie di rampanti e che procede come corollario di molti progetti di riqualificazione urbana se questi non sono pianificati in modo da riflettere i bisogni dei residenti dei quartieri interessati.

Seguiamo infatti la risposta degli inquilini di un non meglio precisato quartiere di Milano alla chiusura di uno spazio verde a loro caro, ultima goccia dopo una serie di altre angherie urbane.

Racconto – Midsmummer Night’s Heist

Midsummer Night’s Heist, pubblicato sull’antologia americana “Glass and Gardens: Solarpunk Summers” edita da Sarena Ullibarri di WorldWeaver Press, rappresenta la prima incursione del Commando sulla scena letteraria.

Rappresentati da alter ego letterari, i membri del Commando si imbarcano in una folla avventura di mezza estate, mobilitando amici, parenti e conoscenti per bloccare una manifestazione di estrema destra xenofoba con un piano degno di “Smetto Quando Voglio” (una delle nostre principali fonti di ispirazione) e una combinazione di guerrilla gardening e concentratori solari.

Questo racconto vuole anche enfatizzare l’importanza della collaborazione tra le diverse anime di Milano e della coesione sociale contro la minaccia della xenofobia e dell’intolleranza e per costruire un futuro solidale, inclusivo e tollerante.

In questo post sul blog di WorldWeaver Press potete trovare altre riflessioni (in inglese) sulla genesi di questa storia.